194b

di info@amiciziaitalo-palestinese.org (Associazione)

Nena News
29.11.2012

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=42566&typeb=0&Il-194-e-stampato-sulla-pelle-dei-palestinesi

 

Il 194 è stampato sulla pelle dei palestinesi 

Stasera Abu Mazen chiederà all’ONU di riconoscere la Palestina come Stato osservatore. Nel 2011 Washington minacciò il veto contro l’adesione di uno Stato membro

di Michele Giorgio 

Ramallah, 29 novembre 2012, Nena News – Carl Jung parlò di «sincronicità» in relazione alla coincidenza di due o più eventi legati da un rapporto di analogo contenuto significativo. Se questo termine sia applicabile anche al numero 194 e alla storia palestinese non è facile dimostrarlo. Certo è che il 194, numero della risoluzione dell’ONU che sancisce il diritto dei profughi della Nakba palestinese (1948) a tornare nella loro terra d’origine, è anche la posizione che lo Stato di Palestinese occuperà a partire da questa sera alle Nazioni Unite, se l’Assemblea Generale accoglierà la richiesta di adesione della Palestina come Stato osservatore non membro. Un numero che è marchiato a fuoco sulla pelle dei palestinesi, che li unisce nel dolore per la «catastrofe» di 64 anni fa e sembra tenerli (più o meno) tutti dietro l’iniziativa lanciata dal presidente dell’Olp e dell’Anp Abu Mazen, che questa sera la illustrerà davanti all’Assemblea. Anche il movimento islamico Hamas, a dispetto di qualche voce importante di dissenso, ha dato appoggio al rivale Abu Mazen, impegnato in un braccio di ferro con Israele e Stati Uniti.


Commenta su Facebook