Immagine

Per chi come noi ama la verità figlia del tempo, proviamo ora a smontare pezzo per pezzo il castello di falsità, di luoghi comuni che da sempre circolano sulla Grecia, utilizzando le loro fonti, si, proprio quelle che nessuno legge.

Una premessa se non hai tempo, non leggerlo, c’è sempre qualcuno in televisione o sui giornali che  ti spiega meglio di noi, come i greci in questi anni hanno vissuto sopra le loro reali possibilità.

Partiamo dalla leggenda metropolitana che vede la Grecia, ma non solo pure l’Italia, dopo cinque anni ancora ferma ad un numero impressionante di dipendenti statali.

Immagine

La fonte è Istat e siccome qualcuno potrebbe storcere il naso allora utilizziamo il report dell’OCSE, con i dati dell’ILO (International Labour Office) così ci aggiorniamo sino al 2011…

Immagine

Bene ma non è finita qui perchè per tutti quelli che dicono che la Grecia è piena di dipendenti pubblici arriva la sorpresina…

Grazie all’economista Whelan via Vocidallestero andiamo direttamente a scoprire cosa ci racconta la relazione del 2014 della Commissione Europea sulla Grecia che contiene la seguente tabella sull’occupazione pubblica greca. Ripeto Commissione Europea e non un sito telebano qualunque…

Immagine

Vi sembra poco il 26 % in meno eliminare in cinque anni 1/4 della forza lavoro pubblica. Ma certo la Grecia non ha fatto nulla. Per quanto riguarda l’Italia leggetevi questo …

Eurispes-UIL-PA: in Italia falso mito su numero eccessivo dipendenti pubblici.

Ma proseguiamo perchè la Grecia come si sa non ha fatto le riformeeeeeeeeeeeeeeeeee!

Andiamo quindi su un altro sito telebano, ovvero la World Bank con il suo Doing Business | Data che prende in considerazione indicatori di competitività e possibili riforme fatte o da fare, stilando una classifica.

Immagine

Ebbene la Grecia dal 2009 al 2015 è passata dal 96 posto al 61 e quindi non ha fatto alcuna riforma immagino. Per quanto riguarda l’ Italia lasciamo perdere, tanto il ministro Padoan ha detto che non c’è alcun pericolo di contagio.

Ma certo le pensioni, ecco perchè non è stato trovato un accordo, si perchè i greci non hanno fatto alcuna riforma pensionistica.

Siamo tutti d’accordo che l’incidenza del sistema pensionistico sul PIL è il più alto d’Europa …

Ma la questione è un’altra!

Avete forse idea di quale è stato il crollo in questi anni del PIL pro capite greco?Greece GDP per capita

Thanks to Trading Economics

Se noi rapportiamo la spesa pensionistica in base al Pil potenziale tutto cambia e la sostanza è che la Grecia non è poi cosi lontana da altri paesi Europei o dalla Germania.

E dove andiamo andiamo a guardare questa volta, ma di nuovo sul recente lavoro della Commissioni Europea ovvero …

The 2015 Ageing Report – European Commission – Europa

https://i0.wp.com/vocidallestero.it/wp-content/uploads/1-3woy2nMrGXFlqvp7yz71uw.png?resize=960%2C415

Come sottolinea sempre Whelan… i governi greci negli ultimi anni hanno introdotto una serie di riforme a lungo termine nel loro sistema pensionistico. Per una descrizione di tali riforme, si vedano le pagine 39-40 del Rapporto sull’Invecchiamento 2015 della Commissione Europea.

Il rapporto spiega anche l’impatto nel lungo periodo delle riforme pensionistiche che sono state emanate in tutta l’UE. Il grafico qui sotto è tratto dalla relazione. La linea blu indica l’età media di pensionamento nel 2060 se non ci fossero state le riforme delle pensioni e la linea rossa indica l’età media di pensionamento con i sistemi adesso in vigore. La Grecia (contrassegnata come EL) passa da una delle più basse età medie di pensionamento nello scenario senza riforma ad una delle più alte dopo la riforma. In questo senso, la Grecia ha intrapreso la più significativa riforma delle pensioni in Europa.

Ma chiaro hanno sbagliato a fare i conti Andrea, non vorrai mica confrontare queste ricerche con quelle dell’ufficio studi del Sole24Ore?

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Quindi fonte IFM o FMI come meglio credete.

Primo la pensione media in Grecia è per circa il 45 % dei pensionati inferiore a 665 euro se non sotto. Se poi fai uno sforzo e vai a vederti la spesa per pensioni oltre i 65 anni scopri che in fondo, in fondo …

Greece’s Pension System Isn’t That Generous After All –

Il paradosso poi è che ti tocca andare a leggere lo Spiegel (Griechenland: Was Rentner im Vergleich zu Deutschland .. ) per smontare il mito dei pensionati greci di lusso,  per scoprire che l’età media di pensionamento greca più o meno simile a quella tedesca, 61,4 anni, che che i 56 anno sono riferiti al solo settore pubblico che se confrontato con i 55 anni degli impiegati postali tedeschi o i 58 anni dei lavoratori delle ferrovie tedesche fanno sorridere.

Stavo pensando se ho dimenticato qualcosa!

A si, ovviamente la Grecia ha messo in pratica poca austerità come si vede dal grafico di Paul Krugman, ovvero noi e i greci dobbiamo imparare dai finlandesi o dagli austriaci e i francesi, per non parlare degli ultimi arrivati gli spagnoli che viaggiano ancora con un deficit che sfiorava il 5 % nel 2014 e ora fanno la predica agli altri.Immagine

Per concludere su twitter un lettore mi ha fatto notare che per quanto riguarda il lavoro è tutto un problema di produttività.

Ecco quindi come la Grecia non è affatto produttiva come la Germania e via dicendo…

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Bene chiudo qui anche se ne avrei per un altro mese ancora, chiudo con una foto ironica purtroppo che testimonia il panico che sta attraversando il Paese greco, file agli sportelli ovunque…

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Buona consapevolezza e appuntamento a domenica!

Loro non si arrenderanno mai, faranno di tutto per rovesciare il governo greco, manipolando l’informazione e possibilmente anche il referendum, in fondo non è poi così difficile!

Nel frattempo per aumentare la Vostra Consapevolezza e quella dei Vostri amici e conoscenti  ” Il più grande successo dell’euro” https://vimeo.com/123182159 .e soprattutto se volete esprimere liberamente la Vostra idea …

www.sefossigreco.altervista.org

Contribuisci anche tu LIBERAMENTE a tenere in vita un’isola di condivisione quotidiana nell’oceano infinito di questa tempesta perfetta …

Chiunque volesse ricevere le ultime analisi può liberamente contribuire al nostro viaggio …cliccando qui sopra o sul banner in cima al blog o sul lato destro della pagina. Semplicemente Grazie.

[Potete aiutare i blogger a sopravvivere anche con una piccolissima donazione di 1€ ciascuno]
L’informazione libera non può accedere ai finanziamenti statali ma vive di pubblicità… USALA




Commenta su Facebook