Eurostat, in Italia riduzione record costo lavoroEurostat, in Italia riduzione record costo lavoro

BRUXELLES – Gli effetti del Jobs Act si cominciano a sentire con forza, ed anche Eurostat li certifica. Il costo del lavoro, in calo già da un anno, a dicembre 2015 tocca il minimo storico e l’Italia segna il record in Europa. E dà l’esempio agli altri, perché in controtendenza rispetto alla media che invece vede il costo del lavoro in aumento sia nella zona euro che nell’Ue-28.

I dati dell’ufficio europeo di statistica relativi all’ultimo trimestre 2015, vedono un’Italia dove il costo del lavoro è sceso dello 0,8% rispetto all’anno precedente, il dato più basso di tutta l’Ue. Un risultato tanto più importante visto l’aumento che invece si registra nell’area euro (+1,3%) e nella Ue-28 (+1,9%), dove anche nel trimestre precedente era aumentato di 1,1% e 1,9%. In Italia invece è in calo da fine 2014, ma mai così pronunciato.

Nell’Eurozona, la componente ‘salari’ è aumentata dell’ 1,5%, quella non salariale di 0,7%. E l’effetto del Jobs Act in Italia si misura nel calo particolarmente accentuato proprio della componente non salariale, ovvero i contributi, sceso di 2,1% e battuto solo dal -8,2% dell’Olanda…

Continua a leggere sul sito Ansa.it

Commenta su Facebook

Tags: