Prima di proseguire con queste informazioni, che possono rappresentare la differenza fra la vita e la morte per molti di voi, vogliamo precisare che il N.A.C. è uno strumento LEGALE, da utilizzare solo ed unicamente in quei casi nei quali vi sia un effettivo ABUSO da parte di istituti di credito (banche) o agenzie di recupero crediti in particolare. Un’arma potentissima che avrà come risultato, nell’80% dei casi, l’abbandono immediato delle richieste …

… creditorie dei soggetti in questione. Nel rimanente 20% dovrete solo tener duro nelle VOSTRE CONDIZIONI e non farvi intimidire, e la cosa si risolverà spontaneamente.

Lo spazio che abbiamo a disposizione non ci consente di scendere nel dettaglio della questione, ma alla fine dell’articolo, dopo che avrete capito i PRINCIPI BASE su cui si basa quest’ azione, troverete link a risorse utili per poter approfondire. Rivolgetevi ad un avvocato e discutete questa cosa con lui, per non fare dei passi falsi.

Prima cosa da sapere: voi e la banca, o voi e l’agenzia di recupero crediti, siete DUE ENTITA’ PRIVATE e siete, giuridicamente parlando, ESATTAMENTE SULLO STESSO PIANO. La banca vi può dettare delle condizioni e voi potete dettare delle condizioni alla banca. Non lo sapevate? Invece è assolutamente così. E non solo: potete usare l’arma del TACITO ASSENSO, esattamente come fanno loro, per chiudere le vostre posizioni debitorie.

Seconda cosa importantissima: non dovete MAI RIFIUTARVI DI PAGARE IL DEBITO! Questa è la chiave fondamentale per evitare qualsiasi grana futura.

Terza cosa: dovete spedire alla vostra banca, con RACCOMANDATA CON RICEVUTA DI RITORNO, una N.A.C., ovvero una ”NOTIFICA di ACCETTAZIONE CONDIZIONATA” del debito. Aprite le orecchie perchè il segreto è tutto qui. Voi dovrete spedire al vostro creditore una lettera, denominata N.A.C. dove, sostanzialmente, dite ”Accetto di pagare il mio debito, a CONDIZIONE che…”.

Quali sono le condizioni che potete DETTARE ad un istituto di credito? Beh, ce ne sono molte che metteranno il vostro interlocutore letteralmente in ginocchio, facendogli abbandonare le richieste.

Ecco un esempio ”stringato” solo per farvi accendere la lampadina su come funziona:

———————————–

N.A.C.

Il sottoscritto TIZIO CAIO Accetta di pagare il debito XYZ a condizione che mi vengano spediti i seguenti documenti, originali con le firme autentiche:

1) Tutti i documenti contabili che dimostrano l’effettiva perdita di valore da parte di ciascun ente impositore citato. (Cosa IMPOSSIBILE perchè la banca NON VI PRESTA DENARO SUO – informatevi meglio)

2) La prova documentata e certificata che la firma a quell’epoca era la firma di un soggetto autorizzato a prendere quella decisione. (Qui sarebbe un po’ lunga da spiegare – informatevi un po’ guardando il secondo video qui sotto).

3) La prova documentata che questo presunto debito/credito e/o importo NON sia stato venduto e/o ceduto a voi da un ente pubblico o un ente privato o da terze parti (vale per le agenzie di recupero crediti).

4) Il contratto tra Voi e il detentore originale del debito, per il recupero del presunto debito/ credito.

5) La prova documentata che esista in circolazione denaro/ moneta legittimo, ossia dotato di contro valore, sostenuta da qualcosa di valore reale con cui pagare questo debito, insieme alla specifica di qual’è l’unità di misura che dovrò adottare. (altra cosa IMPOSSIBILE perchè l’ Euro è una moneta senza controvalore effettivo)

6) Il nome e cognome di chi fa’ tali richieste, la prova della sua esistenza, qualifica ed abilitazione ad essa; è rigettato il suo rappresentate, delegato e/o incaricato, etc.

7) ,,, e altre condizioni, ce ne sono molte e le trovate nel file allegato al link qui sotto.

Per adempiere a tali legali e legittime richieste, avete 15 (QUINDICI) giorni dalla notifica della presente. Ecceduti tali termini, per la legge del tacito consenso/assenso, accettate che tale presunto debito e’ nullo, inesigibile, ed estinto per sempre.

———————————–

Come vedete, per finire, stabilite un TEMPO (cosa ESSENZIALE) entro il quale, se non ricevete tutta la documentazione LEGITTIMAMENTE richiesta, e nella FORMA richiesta, per TACITO ASSENSO delle parti il debito non avrà più a sussistere.

Le reazioni dei creditori possono essere 4: non si fanno sentire e per tacito assenso avete vinto. Si fanno sentire, ma non nella FORMA RICHIESTA (per esempio per telefono): tenete duro e ribadite che volete TUTTA la documentazione certificata via posta. 3 vi mandano lettere minatorie da avvocati: siete a cavallo, la documentazione richiesta non arriva e il debito verrà estinto (focalizzatevi su quello che avete richiesto e non fatevi intimorire dai colpi di coda dei creditori). 4 vi mandano una documentazione incompleta o parziale: siete a cavallo come sopra.

Nulla di illegale quindi: il N.A.C. è solo una richiesta di documentazione precisa e circostanziata relativa alla vostra posizione debitoria. Posizione debitoria che ACCETTATE, mettendolo NERO SU BIANCO ma solo a PRECISE CONDIZIONI.

Ecco un FAC SIMILE di N.A.C. bellechè pronto, dovete solo adattarlo alla vostra posizione:

Fac Simile di NAC »

Ecco un esempio di RINUNCIA TOTALE E SPONTANEA DEL CREDITO da parte di Banca Intesa (dovete iscrivervi al forum per visionare i documenti):

Esempio di rinuncia del credito »

Anche qui trovate idee, suggerimenti e casi di successo documentati, con tanto di laconiche lettere dei creditori che rinunciano SPONTANEAMENTE ad insistere nelle azioni di riscossione del debito:

Suggerimenti e casi di successo documentati »

Ecco un video che vi spiega meglio di cosa si tratta:

 

Ecco un altro, imperdibile video, che vi spiega la differenza tra ”voi” e … ”VOI” ! Troverete bizzarro, a dir poco, quello che vi verrà detto in questo cartone animato, se non ne sapete nulla. Approfondiremo più avanti, con un esaustivo articolo, la questione del vostro ”gemello invisibile”, di proprietà dello Stato, a cui vengono intestati tutti beni che CREDETE vostri.

– See more at: http://www.boorp.com/notizie_articoli_news_post/articolo_Esplode_il_NAC___un_sistema_LEGALE_per_NON_pagare_i_debiti_alle_banche.php#sthash.CFdjmXLJ.dpuf

Commenta su Facebook