SI PUO’ SOTTRARSI ALLO SCIACALLAGGIO DELLE BANCHE PER NON FINIRE CONDANNATI A MORTE COME I FRATELLI GRECI (qui mettere link all’altro della Grecia)
Ma noi abbiamo il Prode Letta che, neutralizzato il pericolo “populista” del M5, è riuscito a mendicare con successo due spicci dalla sacra UE. Così, il buon Letta, incoraggiato dal Cavaliere, sfida la troika per ottenere “flessibilità” nel rispetto dei vincoli di bilancio .
Ma dove nascondevano tutta questa temerarietà questi due leader “del cambiamento” l’anno passato quando i loro partiti approvarono il Fiscal Compact introducendo il pareggio di bilancio in Costituzione? O quando hanno ratificato il TWO PACK giusto un mese fa consegnando la contabilità, programmazione economica, in una parola,
SOVRANITA’ a Bruxelles? La casta degli impresentabili eccelle sicuramente per ipocrisia.
Barbara

EFTA, Sentenza Storica – Islanda OK Un esempio da seguire. E l’Italia che fa?

Martedì, Luglio 2nd/2013
– Comunicato Stampa di Carlo Finazzi, Presidente Federalismo Regionale –
    Iniziativa di Libero Confronto, “Pensa e Scrivi di Qui Europa”
La Via Maestra: “si può non risarcire gli investitori stranieri. No c’è alcuna discriminazione!”
Ma Commissione Ue e Governi filo-europeisti remano contro
L’EFTA da ragione all’Islanda – Duro colpo al sistema bancario
Reykjavik, Lussemburgo, Roma  –  L’Islanda, l’unico paese europeo che ha avuto il coraggio di far fallire le banche e di tenersi stretta la propria sovranità economica, ha avuto ragione due volte. La prima, quando lo stesso Fondo Monetario Internazionale ha ammesso a denti stretti, di fronte all’evidenza, che la scelta dei politici islandesi fosse quella giusta; la seconda, quando il tribunale dell’EFTA (European Free Trade Association o Associazione Europea del Libero Commercio) ha stabilito con sentenza definitiva che l’Islanda non aveva l’obbligo di risarcire le banche che ha lasciato fallire. È una sentenza storica, un precedente giudiziario che non potrà essere ignorato in futuro, un grande stimolo per quei paesi che volessero seguire le stesse orme dell’Islanda, verso il ripristino della sovranità monetaria. Lòthlaurin, la piccola isola tra i ghiacci ha vinto una importante battaglia legale nei confronti dell’Unione Europea in materia di compensazioni per le perdite causate agli investitori stranieri a causa del fallimento di alcune banche islandesi avvenuto cinque anni fa.
 La Via contro il sistema: si può non risarcire gli investitori stranieri
Il Tribunale dell’EFTA (alla quale aderiscono oltre ai paesi dell’UE anche Islanda, Liechtenstein e Norvegia), con sede a Lussemburgo, ha stabilito che il governo dell’Islanda non ha violato la legislazione europea quando ha deciso di non risarcire gli investitori straneri della banca on-line Icesave, dipendente da una delle principali entità finanziarie fallite nel 2008.
 La sentenza storica  dell’EFTA
Nella sentenza l’EFTA spiega che l’Islanda non ha contravvenuto le normative europee vigenti al momento dei fatti quando decise di non risarcire gli azionisti stranieri, decisione tra l’altro avallata da un referendum appositamente convocato, attraverso il quale la maggioranza dei cittadini del Paese valutò di non investire denaro pubblico per ripianare i debiti con le banche private fallite.
Nessuna Discriminazione
Il Tribunale dell’EFTA ha anche stabilito che il governo islandese non ha compiuto un atto discriminatorio decidendo invece di risarcire gli azionisti del Paese. Immediatamente dopo la sentenza, il Governo di Reykjavik si è detto molto soddisfatto per la decisione del tribunale dell’organismo internazionale che ha dato ragione all’Islanda, rimarcando che il giudizio é “definitivo e non può essere oggetto di ricorso”. A investire il Tribunale dell’EFTA del caso – ricordiamo – era stato un ricorso dell’Autorità di Vigilanza degli Accordi EFTA contro il rifiuto dell’Islanda di pagare 3,9 miliardi di euro alla Gran Bretagna e all’Olanda. I governi di Londra e l’Aja avevano scelto di coprire le perdite dei propri cittadini, e successivamente avevano chiesto un indennizzo alle autorità di Reykjavik, richiesta impugnata dall’Islanda. La Corte di Giustizia di Lussemburgo doveva stabilire se il governo islandese avesse l’obbligo di compensare con un risarcimento di 20 mila euro (26.000 dollari) i titolari dei conti aperti presso la Icesave, fililale online del colosso Landsbanki. Ma con la sentenza di oggi il tribunale ha respinto il ricorso ed ha dato ragione a Reykiavik, stabilendo un importante precedente.E l’ Italia che fa? Attento mondo!
 Governi europei liberali e socialisti e Commissione Ue remano contro
Frattanto, tuttavia, giudizio opposto è giunto da parte di vari governi europei (liberali e socialisti) secondo i quali c’è bisogno di una normativa più stringente per i casi simili a quelli che squassarono l’economia islandese nel 2008-2009. Secondo la Commissione Europea “i rimborsi dei depositi bancari devono sempre essere garantiti, anche nel caso di una crisi sistemica”. A voi le conclusioni!
di Carlo Finazzi – Presidente Federale F.R.
Commenta su Facebook

Tags: