regione toscana logoDopo una lunga discussione, arriva l’ok della Regione Toscana all’uso della cannabis come ausilio terapeutico. La Toscana è dunque la prima regione italiana dove si potranno usare farmaci cannabinoidi come ausilio terapeutico all’interno del servizio sanitario regionale, per combattere il dolore nelle cure palliative e nelle terapie come quelle per Parkinson e Alzheimer.

Vengono così accolte le istanze di molte associazioni regionali che chiedevano questa introduzione. La legge regionale si fonda sul decreto del Ministero della Sanità del 18 aprile 2007 a firma Livia Turco, allora Ministro alla Salute, che vedeva alcuni cannabinoidi utilizzabili nelle cure palliative per combattere il dolore.

Chiaramente la legge definisce i paletti entro i quali i cannabinoidi saranno utilizzati, e si precisa come alla base di questa decisione ci sia, a livello scientifico, una “compiuta valutazione dell’impiego clinico dei cannabinoidi nella cura del glaucoma, nella prevenzionedell’emesi, nel controllo di alcune spasticità croniche, come adiuvante nel controllo del dolore cronico neuropatico associato a sclerosi multipla, nel trattamento del dolore nei pazienti affetti da cancro”.

Le sostanze, che avrebbero proprietà tali da permettere di ridurre i dosaggi degli analgesici oppiacei (vedi morfina), evitando così i fenomeni di assuefazione, saranno distribuiti nelle strutture del servizio sanitario regionale, nelle aziende ospedaliere universitarie, oltre alle strutture private accreditate che erogano prestazioni in regime ospedaliero.

Fonte: Parkinson Italia

Link all’articolo: http://www.disabili.com/home/ultimora/26013-cura-del-dolore-in-toscana-ok-a-cure-palliative-con-derivati-della-cannabis

Commenta su Facebook