DI ROBERT HIGGS 

Information Clearing House 

Molte persone vengono ingannate dalle formalità. Per esempio, suppongono che gli Stati Uniti entrarono in guerra contro Germania e Giappone solo dopo che queste nazioni dichiararono loro guerra nel dicembre del 1941. In realtà, gli Stati Uniti erano in guerra molto prima di questa dichiarazione, una guerra con diverse forme.

Ad esempio, la marina militare americana aveva l’ ordine di “sparare a vista” ai convogli [tedeschi] – a volte anche contro navi britanniche – nell’ Atlantico del Nord, nel tratto dove passavano le spedizioni dagli Stati Uniti alla Gran Bretagna, anche se gli U-boat tedeschi avevano l’ ordine di astenersi (e si astennero) dal cominciare attacchi contro le spedizioni statunitensi. USA e Gran Bretagna avevano accordi di intelligence, sviluppavano assieme armamenti, facevano test militari combinati e altre forme di cooperazione militare.
L’ esercito statunitense cooperava attivamente con l’ esercito britannico nelle operazioni di combattimento contro i tedeschi, ad esempio, quando avvistava i sottomarini tedeschi allertava la marina inglese così poi gli inglesi attaccavano. Il governo degli Stati Uniti si impegnò in molti modi per fornire assistenza militare ad inglesi, francesi, e sovietici che stavano combattendo i tedeschi. Il governo americano fornì armamenti ed assistenza, tra cui aerei e piloti, anche ai cinesi che erano in guerra con il Giappone. [1] L’ esercito americano si impegnò attivamente nel pianificare assieme agli inglesi, ai paesi del Commonwealth Britannico e alle Indie Orientali Olandesi future operazioni militari contro il Giappone. Molto importante fu il fatto che il governo americano si impegnò in una guerra economica, con misure sempre più stringenti, che portò il Giappone in una situazione molto difficile, che le autorità statunitensi ben compresero, li spinsero ad attaccare territori statunitensi e li forzarono a cercare di assicurarsi quelle materie prime essenziali nel Pacifico sulle quali americani, inglesi e olandesi (governo in esilio) avevano posto l’ embargo. [2]
Roosevelt aveva già portato gli Stati Uniti in guerra contro la Germania nella primavera del 1941 – una guerra su scala minore. Da allora aumentò via via la partecipazione militare statunitense. L’ attacco giapponese del 7 dicembre gli permise di aumentare notevolmente la partecipazione ed ottenere una dichiarazione di guerra. Pearl Harbor viene rappresentata come la fine di una catena di eventi, con il contributo americano che riflette una strategia formulata dopo la caduta della Francia… Agli occhi di Roosevelt e dei suoi consiglieri le misure prese ad inizio 1941 giustificarono la dichiarazione di guerra tedesca contro gli Stati Uniti – una dichiarazione che non arrivò con disappunto… Roosevelt disse al suo ambasciatore in Francia, William Bullitt, che gli Stati Uniti sarebbero sicuramente entrati in guerra contro la Germania, ma dovevano aspettare un “incidente”, e che era “fiducioso che la Germania ce lo avrebbe dato”… Stabilire una testimonianza in cui il nemico avesse sparato per primo era la tattica perseguita Roosevelt… [Alla fine] pare abbia concluso – correttamente, come poi risulterà – che sarebbe stato più facile provocare un attacco giapponese che uno tedesco. [3]
L’ affermazione che il Giappone attaccò gli Stati Uniti senza nessuna provocazione fu… tipica retorica. Funzionò perché il pubblico non sapeva che l’ amministrazione aveva previsto che il Giappone avrebbe risposto con azioni militari alle misure anti-giapponesi prese nel luglio del 1941… Prevedendo la sconfitta in una guerra contro gli Stati Uniti – e in maniera disastrosa – i leader giapponesi provarono disperati negoziati. Su questo punto molti storici sono da tempo concordi. Nel frattempo, sono venute fuori le prove che Roosevelt e Hull avevano costantemente rifiutato ogni negoziato…. il Giappone… offrì compromessi e concessioni che gli Stati Uniti contrastavano con crescenti richieste… Fu dopo aver appreso della decisione che giapponesi sarebbero entrati in guerra contro gli Stati Uniti nel caso i negoziati si sarebbero “guastati” che Roosevelt decise di interromperli… Secondo il procuratore generale Francis Biddle, Roosevelt auspicava un “incidente” nel Pacifico per portare gli Stati Uniti nella guerra europea. [4]
Questi fatti come numerosi altri che puntano nella stessa direzione non sono nulla di nuovo; molti di questi sono disponibili al pubblico già dagli anni ’40. Fin dal 1953, chiunque abbia letto una raccolta di saggi molto documentati sui vari aspetti della politica estera degli Stati Uniti alla fine degli anni ’30 e inizio ’40, pubblicati da Harry Elmer Barnes, che mostravano i molti modi in cui il governo degli Stati Uniti sostenne la responsabilità dell’ eventuale ingresso del paese nella Seconda Guerra Mondiale – mostravano, in breve, che l’ amministrazione Roosevelt voleva portare il paese in guerra e di come lavorò d’ astuzia su vari sentieri per arrivarci, prima o poi sarebbe entrato in guerra, preferibilmente in modo da riunire l’ opinione pubblica nel sostenere la guerra facendo sembrare gli Stati Uniti una vittima di un’ aggressione senza provocazione. [5] Come testimoniò il Segretario di Guerra Henry Stimson dopo il conflitto, “avevamo bisogno che i giapponesi facessero il primo passo.” [6]
Al momento, comunque, 70 anni dopo questi eventi, probabilmente non c’ è un americano su 1000, anzi 10000, che abbia una vaga idea di questa storia. La fazione pro-Roosevelt, pro-americani, pro-Seconda Guerra Mondiale è stata così efficace che in questo paese l’ insegnamento e la scrittura popolare sono totalmente dominati dalla visione che gli Stati Uniti si siano impegnati in una “Guerra Buona”.
Alla fine del XIX secolo l’ economia giapponese iniziò una rapida crescita ed industrializzazione. Dal momento che il Giappone ha poche risorse naturali, molte delle sue industrie in rapida crescita dovevano fare affidamento sulle importazioni di materie prime, come carbone, ferro, acciaio, stagno, rame, bauxite, gomma, e petrolio. Senza un accesso a queste importazioni, molte delle quali provenienti dagli Stati Uniti o dalle colonie europee del Sudest Asiatico, l’ industria giapponese si sarebbe arrestata. Tuttavia, impegnandosi nel commercio internazionale, nel 1941 i giapponesi avevano costruito un’ economia industriale piuttosto avanzata.
Allo stesso tempo, costruirono un complesso militare industriale per supportare una marina ed un esercito sempre più potente. Queste forze armate permettevano al Giappone di proiettare il suo potere in diverse zone del Pacifico e dell’ Asia Orientale, comprendendo la Corea e il nord della Cina, proprio come gli Stati Uniti che usarono la loro industria in espansione per la realizzazione di armamenti che proiettarono il dominio statunitense nei Caraibi, America Latina, ed anche in paesi lontani come le Filippine.
Quando nel 1933Franklin D. Roosevelt divenne presidente, il governo degli Stati Uniti cadde sotto il controllo di un uomo a cui non piacevano i giapponesi e nutriva un affetto per i cinesi dato che, hanno ipotizzato alcuni scrittori, i suoi antenati si erano arricchiti con il commercio con la Cina. [7] A Roosevelt non piacevano neanche i tedeschi in generale, e particolarmente Adolf Hitler, e propendeva per favorire gli inglesi nelle relazioni personali e negli affari. Non prestò molta attenzione alla politica estera, finché il suo New Deal non cominciò ad esaurirsi nel 1937. In seguito si affidò molto alla politica estera per soddisfare le sue ambizioni politiche, come il suo desiderio di essere rieletto ad un terzo mandato senza precedenti.
Quando la Germania cominciò il riarmo e la ricerca del Lebnsraum (spazio vitale) in maniera aggressiva, alla fine degli anni ’30, l’ amministrazione Roosevelt collaborò con Francia e Gran Bretagna per contrastare l’ espansione tedesca. Dopo che la Seconda Guerra Mondiale iniziò nel 1939, questa assistenza statunitense crebbe molto, includendo misure come il cosiddetto accordo dei cacciatorpedinieri e il programma dal nome ingannevole Lend-Lease. In previsione dell’ ingresso in guerra degli Stati Uniti, il personale militare inglese e americano formulò piani segreti di operazioni congiunte. Le forze americane cercavano di creare un pretesto per giustificare l’ ingresso in guerra, cooperando con la marina britannica, attaccando gli U-boat tedeschi nel nord dell’ Atlantico, ma Hitler non abboccò all’ esca, negando così a Roosevelt il pretesto che voleva gli Stati Uniti a tutti gli effetti un paese belligerante – una belligeranza che trovava l’ opposizione della maggioranza degli americani.
Nel giugno 1940, Henty L. Stimson, che aveva servito come Segretario alla Guerra durante il mandato di William Howard Taft e come Segretario di Stato sotto Herbert Hoover, divenne ancora Segretario alla Guerra. Stimson era un leone anglofilo, faceva parte dell’ elite del nordest, e non aveva nessuna simpatia per i giapponesi. A supporto della politica delle porte aperte con la Cina, Stimson favorì l’uso di sanzioni economiche per ostacolare l’ avanzata giapponese in Asia. Il Segretario del Tesoro Henry Morgenthau e il Segretario dell’ Interno Harold Ickes appoggiarono con forza questa politica. Roosevelt sperava che queste sanzioni avrebbero spinto i giapponesi a fare un errore avventato attaccando gli Stati Uniti, trascinando in guerra anche la Germania, dato che Germania e Giappone erano alleati.
L’ amministrazione Roosevelt, mentre respingeva seccamente le aperture diplomatiche giapponesi per armonizzare le relazioni, imponeva una serie di sanzioni economiche sempre più stringenti. Nel 1939, gli Stati Uniti conclusero il trattato commerciale con il Giappone del 1911. “Il 2 luglio 1940, Roosevelt firmò l’ Export Control Act, che autorizzava il presidente a concedere o negare le esportazioni di materiali di difesa essenziali.” In base a tale autorità, “il 31 luglio, le esportazioni di carburante e lubrificanti per motori d’ aereo, ferro e acciaio furono ridotte.” In seguito, dal 16 ottobre, con una mossa contro il Giappone, Roosevelt decretò l’ embargo “di tutte le esportazioni di ferro e acciaio non destinate alla Gran Bretagna e alle nazioni dell’ emisfero occidentale.” Alla fine, il 26 luglio 1941, Roosevelt “congelò gli asset giapponesi negli Stati Uniti, ponendo fine alle relazioni commerciali con il Giappone. Una settimana dopo Roosevelt vietò le esportazioni dei carburanti che ancora avevano mercato in Giappone.” [8] Inglesi e olandesi dalle loro colonie nel sudest asiatico seguirono a ruota, ponendo l’ embargo alle esportazioni con il Giappone.
Roosevelt e i suoi collaboratori sapevano che stavano mettendo il Giappone in una posizione insostenibile e che il governo giapponese per tentare di sfuggire alla morsa sarebbe potuto entrare in guerra. Avendo decriptato il codice dei diplomatici giapponesi, i leader americani sapevano, tra le altre cose, che il Ministro degli Esteri Tejiro Toyda aveva comunicato il 31 luglio all’ ambasciatore Kichisaburo Nomura che “Le relazioni commerciali ed economiche tra Giappone e paesi terzi, guidati da Inghilterra e Stati Uniti, sono diventate spaventosamente tese da non poter essere più sopportate. Di conseguenza, il nostro Impero, per salvare la sua stessa vita, deve prendere delle misure per assicurarsi le materie prime dei Mari del Sud.” [9]
Dato che i crittografi americani avevano decodificato anche i codici della marina giapponese, i leader di Washington sapevano che le “misure” giapponesi includevano un attacco a Pearl Harbor. [10] Ma non diedero queste informazioni ai comandanti nelle Hawaii, che avrebbero potuto fronteggiare l’ attacco o almeno prepararsi. Che Roosevelt e i suoi generali non abbiano suonato l’ allarme ha perfettamente senso: dopo tutto, l’ attacco imminente era quello che cercavano da tempo. Come confidò Stimson nei suoi diari dopo l’ incontro del Gabinetto di Guerra del 25 novembre, “La questione era di come avremmo potuto manovrarli [i giapponesi] per farli sparare per primi senza danneggiarci troppo.” Dopo l’ attacco, Stimson confessò che “il mio primo sentimento fu di sollievo… la crisi era venuta nel modo che avrebbe unito il nostro popolo.” [11]

Robert Higgs
Fonte: www.informationclearinghouse.info
Link: http://www.informationclearinghouse.info/article33278.htm
Traduzione per Comedonchisciotte.org a cura di REIO
Note
[1] http://en.wikipedia.org/wiki/Flying_Tigers .
[2] Robert Higgs, “How U.S. Economic Warfare Provoked Japan’s Attack on Pearl Harbor,” The Freeman 56 (May 2006): 36-37.
[3] George Victor, The Pearl Harbor Myth: Rethinking the Unthinkable (Dulles, Va.: Potomac Books, 2007), pp. 179-80, 184, 185, emphasis added.
[4] Ibid ., pp. 15, 202, 240.
[5] Perpetual War for Perpetual Peace: A Critical Examination of the Foreign Policy of Franklin Delano Roosevelt and Its Aftermath, edited by Harry Elmer Barnes (Caldwell, Id.: Caxton Printers, 1953).
[6] Citazione di Stimson in Victor, Pearl Harbor Myth, p. 105.
[7] Harry Elmer Barnes, “Summary and Conclusions,” in Perpetual War for Perpetual Peace: A Critical Examination of the Foreign Policy of Franklin Delano Roosevelt and Its Aftermath, edited by Harry Elmer Barnes (Caldwell, Idaho: Caxton Printers, 1953), 682-83.
[8] Tutte le citazioni di questo paragrafo vengono da George Morgenstern, “The Actual Road to Pearl Harbor,” in Barnes, ed., Perpetual War for Perpetual Peace, 322-23, 327-28.
[9] Citato in Morgenstern, “The Actual Road to Pearl Harbor,” 329.
[10] Robert B. Stinnett, Day of Deceit: The Truth About FDR and Pearl Harbor (New York: Free Press, 2000).
[11] Citato in Morgenstern, “The Actual Road to Pearl Harbor,” 343, 384.

Commenta su Facebook

Tags: