di Oltrelacoltre

di Italo Romano

Dopo una lunga attesa è uscito per Arianna Editrice il nuovo libro di Marco Della Luna: “CimitEuro – Uscirne e Risorgere“.

E’ oramai appurato come l’attuale crisi economica, nata negli States, si sia manifestata con maggiore violenza in Europa. Il perdurare di questo sconquasso globale è, nel vecchio continente, aggravato dalla moneta unica, dall’euro.

Una moneta che ha rappresentato un cappio al collo per tutti quei paesi dell’area mediterranea che negli anni ’90 decisero di darsi un sistema monetario unico, ma non omogeneo.

Sono svariati gli studio a riguardo. I più grandi economisti del mondo avevano già anticipato il disastro che stiamo vivendo. Da Stiglitz e Krugman, da Modigliani a Sapir, da Roubini sino De Growe.

Una voce comune, quasi unanima, aveva congiunti i massimi esperti mondiali di economia: l’euro non può reggere!

Ed infatti è quello che sta avvenendo.

La proletarizzazione di interi popoli. La svalutazione del mercato del lavoro in assenza della possibilità di una svalutazione della moneta.

Perdita della sovranità nazionali e progressiva annessione al super-Stato totalitario degli Stati Uniti d’Europa.

Lo chiamano il sogno, tanto per ingannare nuovamente le folle dementi, ma è la fine dell’autodeterminazione dei popoli europei.

Quella che noi percepiamo come una crisi economico-finanziaria è invece una nuova strategia dei potenti della terra per concentrare il potere, dominare e sfruttare tutti noi, che abbiamo sempre meno potere di contrattazione, controllo e partecipazione.

Marco Della, coautore del famoso Euroschiavi, affronta un tema di strettissima attualità. Tutti noi abbiamo il diritto e il dovere di sapere quanto sta accadendo in Europa.

Cimit€uro svela in maniera chiara e completa cosa e chi sta dietro a questa terribile crisi.

Esiste una via di uscita da questa situazione. Scopri in queste pagine una possibile nuova strada, che passa per la riforma della natura della moneta e dei principi contabili.

Riappropriamoci delle sovranità nazionali e poniamo fine al regime plutocratico di austerità capitanato da Mario Monti.

Commenta su Facebook