Seconda pagina Archive

Russia, debuttano i paradisi fiscali interni in risposta alle sanzioni: arrivano i primi capitali

La Federazione ha istituito due zone offshore nei propri confini: l’isola Oktjabrskij nella semiexclave Kaliningrad, e l’isola Russkij al largo di Vladivostok dalla nostra corrispondente ROSALBA CASTELLETTI I due paradisi fiscali “onshore offshore” creati in casa dalla Russia hanno un primo residente. Si tratta

L’era dell’elettrosmog e della velocità senza limiti. Il 5G sconvolgerà le nostre vite

di Matilde De Luca Migliaia di antenne nuova generazione verranno installate sui palazzi e nei parchi, sottoponendo la popolazione a campi elettromagnetici fino ad oggi mai sperimentati. L’importante è scaricare dati sempre più rapidamente. Siete d’accordo? Port News Rapidi, sempre più rapidi e connessi. Non

Libia, Margelletti: “Haftar è appoggiato dalla Francia, che tutela i suoi interessi petroliferi. L’Italia non lo sta facendo”

La Settima Brigata, che sta avanzando dal sud verso il centro della capitale controllata dal governo Sarraj patrocinato dall’Italia, è considerata vicina al capo militare di Tobruk, sostenuto da Parigi. Il presidente del Centro Studi Internazionali (Cesi): “La situazione è fluida, nel Paese non

Se le droghe leggere non fanno male

Le droghe leggere non fanno male, è la conclusione di uno studio di ricercatori del King’s College di Londra passato quasi sotto silenzio nei giorni scorsi e che invece io credo  meriti qualche commento Le droghe leggere non fanno male, è la conclusione di

NEL PANICO, I SERVI STRINGONO LE VITI DELL’”EUROPA”

“L’Europa deve prendere il suo destino nelle proprie mani”, sentenziò furiosa contro Donald Angela Merkel un mese  fa al vertice di Taormina.

Soldati greci contro la NATO: «Non sono i benvenuti»

Con una lettera aperta, i soldati dei campi militari di Evros e Tracia in Grecia protestano contro il supporto di Tsipras all’esercitazione NATO Noble Jump.

La rivoluzione Corbyn

Un Corbyn molto più sull’exit che sul remain. Anche durante la sua campagna elettorale aveva sostenuto che era meglio stare fuori dalla Ue.

L’Arabia Saudita compie un passo verso la disintegrazione

Il 21 giugno, il presidente turco Erdogan condannava ufficialmente l’idea della “Grande Albania” mentre inviava mezzi e rinforzi dell’esercito in Siria.