Terrorismo Archive

Giulietto Chiesa: “Ecco chi c’è dietro gli attentati di Bruxelles”

Gli attentati di Bruxelles hanno colpito il cuore dell’Europa. Il terrorismo di matrice islamica continua a bagnare col sangue le nostre stazioni e i nostri aeroporti. Ma c’è chi dà una lettura diversa a quanto accaduto Claudio Torre – Mar, 22/03/2016 – 17:30 Gli

La fantasy-giustizia americana condanna l’Iran a pagare i danni delle vittime dell’11 settembre

di Cristina Amoroso Sono passati quasi 15 anni dagli attacchi alle Torri Gemelle di New York e al Pentagono di Washington. Quasi ogni giorno ci hanno bombardato di notizie sui responsabili; è partita  la “guerra totale al terrore” di Bush che è ancora in

I misteri dell’attentato di Parigi del 13 novembre 2015. E non solo

L’intera narrazione ufficiale delle Stragi di Parigi del 2015 è stata inquinata da disinformazione, manipolazione, distrazione di massa. Ecco i fatti. di Giulietto Chiesa. A inizio 2015 scrissi un saggio e pubblicai un video su Pandora TV, intitolato “I Misteri di Parigi”. Si riferiva

VIETATO INDAGARE SUGLI ATTENTATI DI PARIGI

marzo 15 2016 Hicham Hamza è un giornalista francese indipendente che ha scoperto indizi impressionanti sugli attentati islamici a Charlie Hebdo e al Bataclàn. E’ stato arrestato e incriminato, ufficialmente per “violazione del segreto istruttorio e diffusioni di immagini gravemente lesive della dignità umana”. Effettivamente

Terrorismo ebraico-sionista, questo sconosciuto

di Federica Albano “Vogliono vivere semplicemente, in comunione con Dio”, dice Gedalia Mayer. Gedalia è padre di Mordechai, un diplomato di 18 anni che ha passato gli ultimi anni in compagnia dei suoi amici, visitando la Cisgiordania. Un ragazzo come tanti altri insomma, eppure

Francia proroga lo stato d’emergenza

Fino al 26 maggio per minaccia terroristica sempre molto alta La Redazione ANSA PARIGI ha pubblicato il 16 febbraio 2016 la notizia che tutti si aspettavano: il prolungamento dello stato di emergenza in Francia, fino alla fine di maggio, con la sospensione dei diritti civili a

La guerra per procura in Siria contro l’ISIS ha raggiunto il suo apice: Verso un’invasione di terra sponsorizzata da USA e NATO?

La strategia di Washington consiste nel comandare una guerra regionale più ampia istigando la Turchia, l’Arabia Saudita così come Israele a “fare loro il lavoro sporco per noi”. Le forze del governo siriano insieme ai suoi alleati (Russia, Iran, Hezbollah) si sono scontrate, fino

In Siria, alleanza tra curdi e Baath contro i terroristi

FNA Un alto comandante dell’opposizione siriana ha rivelato che le “Unità di protezione popolate” curde (YPG) hanno formato un’alleanza con l’Esercito arabo siriano per combattere contro i terroristi. “Le YPG si coordinano con il governo siriano nella dura battaglia contro le forze dell’opposizione siriana“,

La Turchia Sta Facendo Esplodere una Guerra Mondiale, Fermiamola!

Di FunnyKing , il 18 febbraio 2016  Oggi [18 febbraio, NdR] altri attentati in Turchia, e indovinate un po’: da Repubblica …identificato attentatore di Ankara. Intanto la polizia turca ha identificato l’autore dell’attentato suicida compiuto ieri ad Ankara, costato la vita a 28 persone:

Si vis pacem kalashnikov

Claude Guillon È un inatteso danno collaterale degli assassini commessi in Francia nel corso del 2015 da fanatici islamisti, un danno — di cui non dubito che alcuni miei amici libertari si rallegreranno come se fosse un progresso morale — che si fa sentire

IL CALIFFO IN KOSOVO, GRAZIE USA (E ITALIA)

DI MASSIMO FINI ilfattoquotidiano.it Adesso si scopre che in Kosovo (come in Bosnia e in Albania) c’è una forte presenza jihadista. Ma guarda, chi avrebbe mai potuto immaginarselo? Come sempre, come per l’Afghanistan, la Somalia, la Libia e l’Egitto, si dimentica il pregresso, lo

DIPLOMATICO RUSSO DA UNA NOTIZIA BOMBA: GLI USA SI ASPETTAVANO CHE, A OTTOBRE, L’ISIS OCCUPASSE DAMASCO

DI ALEXANDER MERCOURIS In un articolo su un quotidiano britannico l’ambasciatore russo nel Regno Unito rivela che i russi avevano saputo dalle potenze occidentali che, dopo la proclamazione USA di una no-fly zone, l’ ISIS avrebbe occupato Damasco Lunedì scorso Alexander Yakovenko, ambasciatore russo in

La figuraccia al blitz di Saint-Denis: “La polizia ha sparato sulla polizia”

Secondo i rilievi della polizia scientifica, nessuno dei 1500 colpi sparati dalle teste di cuoio francesi non sono finite sui terroristi ma contro altri agenti Giuseppe De Lorenzo – Ven, 05/02/2016 – “Una pioggia di fuoco”, aveva detto il capo delle teste di cuoio

Il video del pagamento del riscatto di Greta e Vanessa fa saltare i vertici dei Servizi

Roma, 4 feb – L’Italia ha pagato il riscatto per le “cooperanti” rapite in Siria, Greta e Vanessa; ormai sembra assodato, e all’Aise(Agenzia informazioni e sicurezza esterna) saltano i dirigenti. Un vero e proprio terremoto quello che ha colpito i nostri Servizi Segreti, secondo

I rifugiati affermano che i militanti ISIS vivono in mezzo a loro in Germania

Profughi cristiani provenienti dalla Siria sostengono di aver visto un ex membro Stato islamico che vive a Francoforte, e che questo non è un caso isolato. La polizia indagato ma hanno rifiutato di sporgere denuncia perché il presunto terrorista no ha pendenze penali in

La strategia della tensione oggi. Intervista a Solange Manfredi

18 GENNAIO, 2016 – 17:39 | DA FEDERICO MUSSO Solange Manfredi è una giurista, ma non solo. Da anni si occupa di analizzare con un metodo storico i meccanismi psicologici usati per condizionare le popolazioni. Ha raccolto le sue ricerche nel libro Psyops che

L’ACCOSTAMENTO SUBLIMINALE TRA ASSENTEISTI E TERRORISTI

Da ANARCHISMO C.O.M.I.D.A.D. La notizia del marocchino/cosentino arrestato come presunto terrorista – anzi, come “foreign fighter” – dell’ISIS, si presta ad alcune osservazioni. Nietzsche diceva che i poveri non possono rivendicare nessuna superiorità morale nei confronti dei ricchi. Ed infatti la dicotomia tra ricchi e

Chi ha organizzato gli attentati di gennaio e novembre 2015 a Parigi?

Un quotidiano croato pubblica informazioni che evidenziano una responsabilità dello Stato francese nelle stragi parigine. Chi ha preso le decisioni? [Thierry Meyssan] martedì 19 gennaio 2016 11:13 voltairenet.org di Thierry Meyssan. Il quotidiano croato Slobodna Dalmacija pubblica nuove informazioni che evidenziano una responsabilità dello

False Flag per cancellare i legami tra Erdogan e terroristi

Finian Cunningham, Strategic Culture Foundation 14/01/2016 E’ il modo con cui il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha reagito all’attentato mortale a Istanbul, questa settimana, che suscita sospetti. Sospetti che ci sia molto più del semplice attentato terroristico islamista contro civili inermi. Per dirla

Se Israele scommette sull’Isis

“Per Israele si avvicina il momento della verità?”. Davvero la situazione è così drammatica come sembradescriverla il titolo di Yediot Ahronot, il più diffuso quotidiano del Paese? Certo è che le incognite di certe scelte strategiche si avverte oggi come non mai. Nel conflitto permanente tra

Su Charlie Hebdo piomba il segreto. Militare.

I giudici non potranno indagare: il ministro degli interni francese ha bloccato ogni ulteriore inchiesta sull’eccidio compiuto da Amedy Coulibaly: sécret défense [M. Blondet] martedì 13 ottobre 2015 07:30 maurizioblondet.it di Maurizio Blondet. I giudici non potranno indagare: il ministro degli interni francese, Cazeneuve,

IL FALSE FLAG NEL FALSE FLAG NEL FALSE FLAG

da ANARCHISMO C.O.M.I.D.A.D. La debacle dei servizi segreti francesi verificatasi venerdì scorso, è stata l’occasione per riciclare il vecchio luogo comune secondo cui gli insuccessi dei servizi vengono clamorosamente alla ribalta, mentre i successi rimangono nell’ombra. In uno di quegli articoli scritti all’insegna del “ci

Quel filo che unisce i terroristi del 13/11 ai servizi segreti francesi

  Di Federico Dezzani Twitter: @FedericoDezzani È stata una settimana di ordinaria follia per la Francia e l’Europa quella che ha seguito gli attentati del 13/11: se non si ha più nessuna remora nell’attuare lo stragismo di Stato, a maggior ragione si perde qualsiasi

Putin: “lo Stato Islamico è finanziato da 40 paesi, anche membri del G-20”

Di Lorenzo Zacchi – nov 16, 2015 Come riporta il portale Russia Today, Vladimir Putin ha dichiarato di essere pronto a condividere i dati dell’intelligence russa riguardante i finanziamenti allo Stato Islamico con i suoi colleghi presenti al G-20. “Ho fornito prove sulla base dei

I documenti desecretati USA che raccontano la nascita dell’ISIS

Pubblicato 16 novembre 2015 – 19.30 – Da Claudio Messora UN PO’ DI STORIA E’ il 2004 quando Abu Musab al-Zarqawi fonda al Qaeda in Iraq, nota con l’acronimo di AQI. Nel 2006 viene fatto fuori da un raid USA. Al suo posto arriva

I francesi si preparavano alla guerra. Già da prima dell’attentato

Pubblicato 16 novembre 2015 – 0.58 – Da Angelo Mandaglio di Angelo Mandaglio Il futuro che i potenti del mondo stanno preparando per noi e per le nuove generazioni è la guerra permanente contro un nemico invisibile, che pertanto non siamo capaci di riconoscere.

Perché c’è fretta di mandare i nostri Tornado contro l’ISIS

l’Occidente adesso teme che l’invincibile Califfato si sciolga come neve al sole. Almeno è ciò che rivela un titolo del britannico Express: “L’ISIS è così indebolito dagli attacchi aerei russi e dalle diserzioni che può essere distrutto nel giro di ore”. Forse esagera, il

Un passaporto falso siriano intestato al primo ministro olandese

Da Andrea Carancini Da Erminia Scaglione ricevo e pubblico: UN PASSAPORTO FALSO SIRIANO INTESTATO AL PRIMO MINISTRO OLANDESE Ottenere un falso passaporto siriano è davvero facile: Basta pazientare per circa 40 ore, avere 750 euro da sborsare e scegliere un nome qualsiasi e una qualsiasi

SIRIA, PRIMO RAID RUSSO: PENTAGONO “HANNO COLPITO UNITÀ ADDESTRATE DALLA CIA”

(di Franco Iacch) 01/10/15 Il primo raid russo in Siria, avvenuto appena due giorni dopo l’incontro tra Putin ed Obama per smussare le profonde differenze di approccio dei loro paesi nel conflitto, non sarebbe stato indirizzato contro le postazioni dello Stato islamico. Secondo alcuni

COS’È L’ISIS? LA RUSSIA LO SPIEGA AGLI OCCIDENTALI RIMBAMBITI DALLA PROPAGANDA DEI MEDIA

Russia: “Non siate stupidi, Isis è uno strumento USA per destabilizzare il Medio Oriente” “Il processo di trasformazione del gruppo terroristico dell’Isis in uno Stato con un proprio esercito, polizia, bilancio, tasse e strutture sociali non sarebbe mai avvenuto senza l’aiuto dell’Occidente e delle

SIRIA, PUTIN ORDINA IL PRIMO ATTACCO. ISRAELE: “IN AZIONE REPARTI SPECIALI RUSSI CON HEZBOLLAH”

(di Franco Iacch) 25/09/15 Le forze governative siriane hanno condotto il primo raid aereo nella provincia di Aleppo, nel tentativo di riconquistare una base dell’esercito regolare sottratta dai terroristi. L’attacco è stato condotto dai piloti siriani su caccia russi. E’ quanto ha comunicato l’Osservatorio

GIAN MICALESSIN: “ VI SPIEGO COME LA TURCHIA E IL QATAR DESTABILIZZERANNO l’EUROPA“

Milano 22 Settembre – Una LECTIO MAGISTRALIS del più famoso inviato di guerra italiano. Ma questi esodi biblici sono davvero inevitabili, o sono frutto di un complotto? Cosa c’è dietro? “L’imperialismo dei diritti umani”,  il  convegno   organizzato da Rita Cosenza, capogruppo di Destra civica in zona

Video – Karzai ammette: Al-Qaeda? Mai esistita, era un’invenzione

23 settembre 2015 Da unaliraperlitalia L’ex presidente afghano Hamid Karzai, intervistato l’11 settembre 2015 da un giornalista di “Al Jazeera”, spazza via 14 anni di narrativa ufficiale occidentale dichiarando che Al-Qa’ida è una mera invenzione. Lo dice senza alcun tentennamento: «Per me è un’invenzione. Non ho

Oliver Stone: Dimenticate l’ISIS, è l’America la vera minaccia per il mondo

“Abbiamo destabilizzato il Medio Oriente, creato il caos. E poi diamo la colpa all’ISIS per il caos che abbiamo creato” Molta gente pensava che i giorni in cui Oliver Stone scalava le classifice fossero finiti. Molte persone si sbagliavano. Il suo libro del 2012

Satelliti russi ed esercito siriano spezzano la schiena dell’ISIS

21 SETTEMBRE 2015 La stretta collaborazione tra la Russia e la Siria nel combattimento contro lo Stato Islamico sta dando i suoi frutti nella regione di Palmira, dove le truppe di Damasco hanno riconquistato diverse posizioni chiave vicino alla cittadina. I comandanti siriani ora