Da I Lupi di Einstein

di Kurt Nimmo
Infowars.com


Il PM britannico David Cameron e il Presidente francese Nicolas Sarkozy sono arrivati a Tripoli, in Libia , Giovedi, e si sono impegnati a fornire supporto militare, politico ed economico ad al-Qaeda.

Il New York Times, tuttavia, non menziona il fatto che al-Qaeda fa parte della nuova leadership della Libia. Il quotidiano si concentra invece sui “libici esultanti che lodano il ruolo [di Cameron e Sarkozy] nell’allontanare l’ex dittatore libico dal potere”, mentre nulla dice sul prezzo che i libici hanno dovuto pagare .

Sarkozy e Cameron hanno detto che i bombardamenti NATO continueranno fino a quando i libici resisteranno all’invasione del loro paese da parte dell’elite globale. Hanno commentato durante una conferenza stampa con al-Qaeda:

Stavano parlando ad una conferenza stampa insieme a Mustafa Abdel Jalil, il capo dell’amministrazione provvisoria istituita dagli insorti, e a Mahmoud Jibril, il primo ministro de facto dei ribelli che ha detto che i ribelli hanno ancora bisogno della  “protezione della NATO per i nostri civili.”

Jalil è della tribù Haribi nel nord-est della Libia. E ‘ legato ad al-Qaeda . Molte delle risorse della CIA in Afghanistan durante la guerra contro l’Unione Sovietica venivano dalla Libia e si sarebbero poi fuse con al-Qaeda. Ayman al-Zawahiri ha dato al Gruppo Combattente Islamico Libico (LIFG) la sua personale approvazione e l’LIFG si è unito ufficialmente al gruppo nel 2007. Uno studio di West Point ha rivelato l’intimità tra i libici e al-Qaeda in Iraq, presunto responsabile della morte di truppe di occupazione statunitensi.

Dietro Abdel-Jalil e Mahmoud Jibril c’è Abdelhakim Belhaj, il fondatore del LIFG. “Quasi per caso, tutti gli alti comandanti militari dei ribelli appartengono al LIFG”, scrive Pepe Escobar . Belhaj, un devoto jihadista di al-Qaeda, è considerato il più importante comandante militare libico.

“Questa è stata la vostra rivoluzione, non la nostra rivoluzione”, Cameron ha detto ad al-Qaeda.

Il New York Times e il resto dei media dell’establishment stanno facendo gli straordinari per rappresentare il Consiglio nazionale di transizione e  al-Qaeda come eroi e legittimi governanti della Libia. I media aziendali hanno dedicato ben poco spazio al fatto che i ribelli della NATO sono razzisti assassini .

Cameron e Sarkozy non sono arrivati ??a Tripoli solo per fare un mucchio di lodi ad al-Qaeda – hanno fatto visita al fine di promuovere gli affari: il business dei banchieri e delle multinazionali.

Il viaggio, secondo il New York Times, “era anche parte di un’importante gara di entrambi i leader per promoversi come vincenti e  vigorosi campioni di  democrazia visto che il fior fiore delle loro aziende si contendono le opportunità nella Libia post-Gheddafi.”

I globalisti preferiscono che il loro dominio conquistato sia governato dai severi e violenti Wahhabisti sunniti o da altri stupidi fanatici, come era in Afghanistan prima che gli Usa decidessero di invadere il paese e rovesciare i loro ex partner, i Talebani creati dalla CIA e dall’ISI.

Il Dipartimento di Stato americano non ha trovato “niente da ridire”, quando i Talebani hanno preso il paese a metà degli anni ’90 dopo che i sovietici sono fuggiti.

“I Talebani probabilmente diventeranno come i Sauditi. Ci saranno Aramco [il consorzio di compagnie petrolifere che controllava il petrolio saudita], oleodotti, un emiro, nessun parlamento e un sacco di leggi della sharia. Possiamo convivere con questo,”  ha detto un diplomatico Usa nel 1997.

Come al-Qaeda in Afghanistan, la variante in Libia diventerà probabilmente un altro nemico in breve tempo e ci verrà detto che dobbiamo sprecare altri miliardi di dollari – e altre donne e bambini massacrati – perchè i malvagi complottano  contro gli amanti della libertà.

Fonte Prison Planet 15 Settembre 2011
Traduzione: Anna Moffa per 
ilupidieinstein.blogspot.com

Commenta su Facebook