Con la vittoria della cosidetta Brexit, sono uscite a destra e a manca numerose interpretazioni del voto. Una di quelle più interessanti riguarda la geografia del voto: i voti per la permanenza si sono avuti principalmente nelle grandi città (Londra, Cardiff, Edimburgo, Belfast), quelle dove hanno anche sede molte grandi aziende e società

finanziarie? i voti a favore del Brexit si sono avuti nella maggior parte delle aree rurali e anche nelle piccole città deindustrializzate e con una forte disoccupazione. Insomma, il Brexit ha vinto grazie ai contadini, agli operai e ai piccoli imprenditori, mentre dirigenti di banche e multinazionali erano per la permanenza. Questo fatto dà dunque per chiarita una cosa: l’UE fa il bene solo delle società finanziarie e delle grandi aziende, non della gente comune. Possiamo parlare di una rivincita dell’Inghilterra profonda, quella che non si vuole far travolgere dal mondo globalizzato: quella dei contadini che non vogliono vedersi schiacciati dalla PAC, quella degli operai che non vogliono perdere il lavoro a causa delle delocalizzazioni.

E che dire dei commenti che si sono sprecati in Italia? L’intellighenzia bempensante si è mostrata, come sempre, sprezzante delle esigenze della gente comune e dalla parte dei poteri forti.

Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, in passato collaboratore di Feltri ma ora renziano doc, ha fatto un’affermazione scioccante: “Elettori disinformati producono disastri epocali. Per votare servirebbe l’esame di cittadinanza”. In pratica, secondo Gori non bisognerebbe permettere a chiunque di votare… Guarda caso lo dice solo quando un popolo non vota come garba a lui. Già è vergognoso che uno si permetta di dare indicazione di voto ad un altro popolo, e ancora più grave è pretendere di abolire il suffragio universale dopo tutte le lotte fatte per ottenerlo. Tra l’altro non c’è una misura universale dell’intelligenza delle persone, pretendere di levare il diritto di voto a chi la pensa diversamente è un atto da regimi totalitari. Comunque, non c’è molto da dire: questo Gori ama fare affari coi regimi totalitari. Tra i suoi punti per l’amministrazione di Bergamo, vi è anche la costruzione di una moschea, in nome della “tolleranza e dell’apertura culturale”. Qua, lungi dal voler fare islamofobia spicciola di stampo fallaciano, bisogna dire che in questo caso i fondi della
costruzione vengono in gran parte dal Qatar, paese teocratico dove c’è la galera per gli infedeli (e si intende non solo i non musulmani ma anche i musulmani non wahabiti cioè gli sciiti ed i sunniti moderati), le adultere e gli omosessuali nonché finanziatore del terrorismo. Questo è il PD, questa è l’UE: stretto legame cogli USA e con le petromonarchie arabe, sanzioni contro Siria e Russia.

Saviano ha scritto: “Brexit. Ha vinto il Popolo. Me lo ricordo il popolo, nel 1938, acclamare Hitler e Mussolini a Roma affacciati insieme al balcone di piazza Venezia.
Me lo ricordo il popolo inebriato, esaltato per la dichiarazione di guerra…” e prosegue un lungo excursus di cose negative che in passato a fatto “il popolo”, per dimostrare implicitamente il disprezzo per il concetto di sovranità popolare. Bisognerebbe spiegare a Saviano che l’iniziale paragone col nazifascismo è offensivo, semmai si potrebbe paragonare l’UE ad una sorta di Quarto Reich, Hitler aveva tolto la libertà al suo popolo e voleva schiacciare il diritto all’autodeterminazione per quelli ritenuti “inferiori”, esprimere il volere del popolo riguardo alla collocazione internazionale con un semplice referendum è democrazia. Saviano, è bene ricordarlo, era anche sostenitore dell’aggressione occidentale contro la Libia nonché di un rovesciamento del governo sovrano della Siria e favorevole all’utero in affitto.

E infine citiamo Monti, il quale afferma che Cameron ha abusato della democrazia. D’altro canto, come può piacere la democrazia ad uno che è stato presidente del consiglio senza mai essere stato eletto? In ogni caso, da Monti è perfettamente ovvia una frase del genere. C’è forse da stupirsi, ma forse neanche tanto, che gente si si consideri di sinistra esprima parole di disprezzo verso le classi basse. Ma ormai è da tempo che la sinistra ­, posto che
questo termine abbia ancora un valore,­ ha sostituito l’internazionalismo proletario con l’internazionalismo finanziario. Guardiamo anche alle elezioni del sindaco di Roma: il PD ha avuto molti voti solo nei quartieri agiati (come i Parioli). Nessun dubbio: l’UE favorisce le banche, il PD è il partito delle classi agiate che guardano con spocchia i ceti bassi e l’intellighenzia italiana rappresenta in gran parte gli utili idioti dei poteri forti. Una cosa molto vergognosa è stato uno spettacolino comico di Beppe Severgnini che denigrava gli Inglesi delle campagne: gli si dica che i contadini sono quanto di più indispensabile ci sia per la sopravvivenza della specie umana, dacché è dall’agricoltura che ci viene il cibo.

Ora non c’è che da sperare in un effetto domino che porti al riscatto delle sovranità nazionali e alla ricostruzione delle protezioni sociali.

FONTE: Teste Libere
Commenta su Facebook