Dunque attenzione che la Russia fa di nuovo capolino sui media finanziari occidentali, ovviamente per questioni diversamente positive.

Il Fondo Monetario Internazionale dice che il sistema bancario Russo ha troppi crediti inesigibili e dunque che “urgono” interventi. Sarà vero? O è un nuovo capitolo dell’attacco da parte dei “valori dell’occidente”?

La cosa grave è che l’FMI sta accusando la Russia di mentire sui dati e che i Non Performing Loan delle banche russe potrebbero essere più alti del 9,2% sul totale riportati ufficialmente.

da Bloomberg

Russia’s banking industry risks a capital shortfall of as much as 1 percent of gross domestic product after under-reporting bad debt during the economic crisis, according to the International Monetary Fund.

Non-performing loans might be 3.5 percentage points higher than the reported level of 9.2 percent in March, the Washington-based lender said in a report Wednesday. Under stress scenarios that envision low oil prices, the capital shortfall could reach up to 4.5 percent of GDP, according to the IMF.

“The banking system is likely to require additional capital,” it said. “The overall capital adequacy ratio resumed its declining trend on the back of low profitability and anemic credit growth. Credit quality continues to worsen.”….

Non solo, l’FMI dice che se il petrolio rimane basso il livello degli NPL Russi renderebbe necessaria una ricapitalizzazione del sistema pari al 4,5% del PIL Russo.

Mi sa che la guerra è ricominciata.

FONTE: rischiocalcolato.it

Commenta su Facebook