Attenzione, Tiranni. Chi la fa l’aspetti

di Tony Cartalucci
Land Destroyer

Bangkok, Thailandia, 25 aprile 2011 – Vendere una politica che include l’assassinio del leader di una nazione sovrana, assediata con pretesti palesemente falsi, costituisce un pericoloso precedente che potrebbe ritorcersi contro gli uomini arroganti che l’hanno messa in atto. Lindsey Graham e John McCain, entrambi appartenenti all’ingerente International Republican Institute implicato nel finanziamento e rifornimento alla “primavera araba“, tanto per cominciare, hanno chiesto l’uccisione di Gheddafi e dei membri della sua cerchia in Libia. Il London Telegraph ha anche riferito che il ministro degli Esteri William Hague si è rifiutato di escludere l’uso di droni americani per assassinare Gheddafi.

assassinate_qaddafi
A nessuno mancheranno queste persone: L’elite dovrebbe riflettere attentamente
prima di alzare la posta in gioco. Gli stati-nazione potrebbero contraccambiare
le minacce di assassinio e la manifesta aggressione sempre crescente.

Ora che gli Usa hanno apertamente ammesso di aver reclutato, addestrato, finanziato, e allestito gli eserciti di “attivisti “perchè tornassero indietro a sovvertire i governi delle loro nazioni, e la Cina e un crescente numero di altre nazioni, puntano il dito direttamente su Washington per aver alimentato la rivolta , la portata globale di questa operazione e le mani che hanno manovrato dietro le quinte sono esposte alla vista di tutto il mondo. Quello che accadrà dopo sarà una serie di conflitti per procura di crescente violenza. E ‘evidente che le preoccupazioni umanitarie sono scuse del tutto artificiose per mandare avanti questa campagna globale. Mentre questa facciata di legittimità si sgretola, la natura imperialista dell’aggressione diventa più palese e ora possiamo vedere che assomiglia di più alla salve di apertura della Terza Guerra Mondiale che non ad un'”ondata di democrazia” che travolge il mondo.

In caso di caduta della Siria di fronte alla rivolta  finanziata dall’occidente, l’Iran sarà senza dubbio il prossimo. La posta in gioco per la Russia e la Cina sarà innalzata ancora di più, e l’Iran stesso sarà spinto in un angolo in cui non si è più trovato fin dalla brutale e prolungata guerra Iran-Iraq degli anni ’80. Qualora l’Occidente riuscisse ad assassinare Gheddafi, dopo questa campagna regionale di manifesta aggressione, si aprirà la porta a richieste simili fatte contro di loro da un mondo consapevole della loro sconsiderata, avida tirannia.

Gli stati-nazione sono in grado di ricambiare la minaccia

Questi leaders in America si sentono abbastanza sicuri che, quando la violenza si intensificherà, le persone che loro pensano di guidare, verranno a portare il loro aiuto quando in cambio, saranno richieste le loro teste? Non credono davvero che il popolo d’America sarà galvanizzato da nazioni straniere che faranno rappresaglie chirurgiche contro queste figure sempre più impopolari? Il mondo sentirebbe la mancanza o piangerebbe per la perdita dei banchieri, industriali, intermediari del potere geopolitico o della miriade di altri sciacalli, topi e scarafaggi che si nascondono nel buio del potere elitario? L’americano medio, molti dei quali non hanno mai sentito i loro nomi, farebbe anche solo un gemito di protesta?

In verità, l’elite globale dovrebbe procedere con cautela, perché hanno creato un pubblico che non li vede e non li rimpiangerà una volta che se ne saranno andati. Una nazione capace può decidere di lasciare intatti i politici compiacenti che fanno da incapaci intermediari, e prendere di mira gli stessi oligarchi corporativo-finanziari. Questi oligarchi possono illudersi di non avere nulla da perdere, perché è il popolo a sanguinare e fallire nelle loro guerre inventate, ma la realtà è che il mondo non ha nulla da perdere, guardando indietro ai campi di battaglia e alla politica che li sta dissanguando, e negli occhi dei veri torturatori  dell’umanità. La Russia ha già gettato il corrotto elitario globalista Mikhail Khodorkovsky in una prigione siberiana, a dimostrazione che i globalisti hanno molto da perdere e sono del tutto impotenti quando alla fine, si trovano di fronte a coloro che conoscono il loro gioco.

Reistenza ad ampio spettro

Mentre spetta agli stati-nazione decidere l’applicazione della forza contro questa minaccia ormai evidente a livello mondiale, noi come individui dobbiamo concentrarsi su come rimuovere e sostituire i loro tentacoli nelle nostre comunità locali. Sviluppando le nostre forme di moneta privata , o commerciando e barattando, coltivando un semplice giardino o imparando un mestiere, possiamo iniziare a erodere il potere che esprime una tale arroganza. E mentre gli stati-nazione possono usare la forza per schiacciare questi parassiti, noi, il popolo, possiamo iniziare a prosciugare le paludi di ignoranza e di bisognosa dipendenza che si trovano in mezzo a noi che abbiamo permesso loro di prosperare per così tanto tempo.

Per decenni, gli oligarchi corporativo-finanziari globali hanno mosso una guerra ad ampio spettro contro l’umanità, lo stato-nazione, la comunità, la famiglia, e l’individuo. E ‘tempo di affrontarli con una resistenza ad ampio spettro.

Fonte: Land Destroyer 24 Aprile 2011
Traduzione: Dakota Jones, I Lupi di Einstein

Commenta su Facebook