Nil Nikandrov Strategic Culture Foundation 17/11/2014b07f0e52d6d25c62a2e6043bec20ca7eRapporti sui media latino-americani segnalano con allarmante regolarità sequestri da parte delle forze dell’ordine di grandi quantità di armi di fabbricazione USA. Tali eventi sono sempre più frequenti in Bolivia, Ecuador, Nicaragua e Argentina, Paesi che l’amministrazione Obama considera ostili. Ma il più delle volte, la notizia della scoperta di depositi clandestini di armi proviene dal Venezuela. Rovesciare quel regime bolivariano è uno degli obiettivi strategici di Washington, e le agenzie d’intelligence degli Stati Uniti utilizzano diversi canali per occultare armi di piccolo calibro, munizioni ed esplosivi nel Paese, in previsione dell’ora stabilita, l’“ora X”. Cartelli della droga controllati da CIA e DEA sono spesso utilizzati come copertura per tali operazioni, così come gruppi paramilitari colombiani creati per combattere FARC e ELN. Una volta che la violenza in Colombia ha cominciato a placarsi, gli statunitensi reindirizzarono i paramilitari nel teatro di combattimento in Venezuela. Una flotta di piccoli aerei è stata creata dalla CIA, per continuare a rifornire gli Stati Uniti di droga da Sud e Centro America. Tali aerei sono utilizzati anche per trasportare piccole quantità di armi e munizioni nelle regioni più remote del Venezuela, in particolare negli Stati di Apure, Amazonas e Bolivar dove sono stati creati dei depositi segreti. Ma il Venezuela ha una legge che impone al Paese di difendere lo spazio aereo, e i piloti dell’Aeronautica venezuelana rintracciano gli aerei che violano tale statuto. L’ultimo di tali aerei di fabbricazione statunitense, un Re-200, è stato abbattuto ai primi di novembre nello Stato di Apure, al confine con la Colombia, dove alcuni degli aerei utilizzati dalla CIA per operazioni speciali sono raggruppati presso basi militari statunitensi. E ci sono molte più armi oltre a quelle nei depositi segreti. José Guillen, capitano della Guardia Nazionale Bolivariana, è stato ucciso il 17 marzo nella città di Maracay. E’ stato colpito alla testa, appena sotto il cappello, da lunga distanza. Gli esperti sostengono che sia opera di un cecchino professionista. Presumibilmente un fucile M24E1 è stato utilizzato, dal raggio d’azione di 1300 metri. Il capitano Guillen fu protagonista della repressione degli estremisti che terrorizzavano la città, colpendo i sostenitori di Chavez e Maduro, erigendo barricate e incendiando edifici pubblici, centri commerciali e scuole. L’inchiesta fu avviata subito dopo la sua morte, individuando alcuni militanti dell’opposizione radicale. Una serie di attentati terroristici contro i membri della Guardia Nazionale e altri gruppi governativa indicava che tale provocazione era stata attentamente pianificata. I suoi organizzatori avevano nascondigli e arsenali moderni a disposizione. Gli agenti del Servizio d’intelligence nazionale bolivariano (Sebin) arrestarono diverse persone. Quando alcune delle loro case furono perquisite, trovarono armi da fuoco, cannocchiali, divise ed attrezzature per le intercettazioni delle conversazioni della polizia. Durante le indagini, fu dimostrato che Carlos Yanez, attore professionista che aveva ripetutamente minacciato il governo, era colpevole di attività criminali. Quando il suo appartamento fu perquisito trovarono un fucile con mirino telescopico e munizioni. Gli investigatori identificarono e arrestarono Luis Raúl Ramírez, contatto di Yanez e custode dell’arsenale della metropolitana, che forniva armi da fuoco ad altri cospiratori. L’inchiesta sull’omicidio del capitano Guillen continua…
venezuela_escudo_sebinL’ultimo rapporto sugli arsenali illegali in Venezuela è apparso da poco: in un deposito segreto di Maracay appartenente ad Eduardo José Guerreiro, 68 fucili (la maggior parte con mirino telescopico) sono stati scoperti con 15000 munizioni e 200 chili di polvere da sparo. A quanto pare ci sono molti “guerreiros” clandestini. Le armi erano preparate per l’ora X. La stazione della CIA in Venezuela cerca di accendere un malcontento che provochi una rivoluzione colorata, dopo di che sangue sarà certamente versato. E altro viene commesso, quale convincente lezione all’America Latina “populista”. I media conoscono fatti che denunciano i piani dei cospiratori venezuelani. Il servizio migrazione colombiano ha consegnato Lorent Gómez Saleh, capo dell’ONG Operation Liberty, alla giustizia venezuelana. Le prove delle attività sovversive di Saleh presentate dai venezuelani erano tanto esaustive da impedire che le pressioni inaudite dell’ambasciata degli Stati Uniti sul presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, non potessero aiutarlo. In Colombia, Saleh è stato addestrato dai paramilitari, e in Venezuela ha reclutato giovani per i gruppi militanti. Preparava i suoi iniziati alla lotta armata, e nelle conversazioni confidenziali diceva apertamente di essere finanziato da CIA e oligarchi venezuelani di Miami. I suoi piani includevano bombardamenti, attacchi ad agenzie governative e mobilitazione di paramilitari colombiani in operazioni di combattimento in Venezuela. Le prime reclute colombiane avevano già ricevuto carte d’identità venezuelane da Saleh. “Abbiamo tutto ciò che serve per infliggere potenti colpi al reimge” rassicurava i militanti, “tra cui copertura diplomatica”. Per “copertura” intendeva sostegno dei gruppi di estrema destra colombiani, in primo luogo dell’ex-presidente colombiano Alvaro Uribe, che aveva contribuito a creare il cosiddetto Frente de Héroes del Norte. Con la scusa di cercare lavoro in Colombia per gli studenti venezuelani, il Fronte aiutava Lorent Gómez Saleh a creare un’infrastruttura per la sovversione al confine Colombia-Venezuela. Parlando recentemente in televisione, il Presidente dell’Assemblea Nazionale, Diosdado Cabello, ancora una volta ha dichiarato che le attività sovversive continuavano in Colombia contro il governo del Venezuela. Diosdado ha detto che l’ambasciata degli Stati Uniti a Caracas, con l’aiuto dell’ONG Un Mundo Sin Mordaza, continua ad amministrare il programma Giovani Ambasciatori (embajadores jovenes). Scegliendo giovani inviati a frequentare corsi speciali presso le università statunitensi. L’obiettivo non è solo il lavaggio del cervello, ma formare attivisti per la lotta al regime. I precedenti arruolamenti di personale in decine di organizzazioni non governative sono notevolmente diminuiti, compromessi dalle numerose rivelazioni sui loro legami con l’Agenzia per lo Sviluppo Internazionale statunitense (USAID), il National Democratic Institute, l’International Republican Institute, la Freedom House ed altri401934_164923_1emissari della politica estera statunitense. La catena di montaggio per formare una nuova generazione di giovani capi è attiva e funzionante. Varie tecniche sono usate per modificare percezione e indottrinare i giovani, cioè: tutte le disgrazie del Venezuela provengono dal regime bolivariano che rifiuta i consigli di Washington. Allo stesso tempo, i servizi d’intelligence degli Stati Uniti adottano misure per eliminare promettenti giovani leader in ciò che gli statunitensi vedono come il campo ostile. Lorent Gómez Saleh ha detto ai suoi complici che “assassini dimostrativi” dei politici di medio livello bolivariani sono usati per indebolire il regime. Robert Serra, parlamentare governativo di 27 anni del Partito Socialista Unito del Venezuela (a cui Hugo Chavez aveva predetto un futuro luminoso) fu assassinato a casa ad ottobre. La sua ragazza, Maria Herrera fu uccisa. Il ministro degli Interni venezuelano affermò che si trattava di terrorismo ideato in Colombia e che una banda di mercenari vi si era addestrato per circa tre mesi. Il Presidente Maduro ha accusato i paramilitari colombiani e i militanti di estrema destra venezuelani dell’assassinio di Robert Serra. Sostiene che il crimine è parte di un ampio piano per destabilizzare politicamente il Paese tra novembre e dicembre.

Lorent Gómez SalehLorent Gómez Saleh

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Commenta su Facebook