Marco Cedolin

La congrega d’industriali prenditori che fa capo ad Emma Marcegaglia , non perde mai occasione per dare sfoggio delle proprie “qualità”, arrivando a distinguersi anche per la grettezza d’animo, oltre che per la natura parassitaria arrogante e piagnucolosa esternata regolarmente ad ogni convegno.
Gli applausi tributati ieri dall’assemblea di Confindustria all’ad della Thyssenkrupp, condannato ne l processo, per il rogo nello stabilimento di Torino che costò la vita a 7 operai, arsi vivi nel tragico incendio del 6 dicembre 2007, rappresentano senza dubbio il gradino più basso finora toccato, da una confraternita autoreferenziale e dispotica, abituata a “fare impresa” fidando sugli “aiutini” statali e la compiacenza di una magistratura quasi sempre disposta a chiudere un occhio di fronte al potere economico…..
Applausi che oltre a risuonare come una nota stonata, fortemente offensiva nei confronti delle famiglie delle vittime e dei lavoratori tutti, dimostrano una volta di più l’assoluta mancanza di rispetto e di qualsivoglia grado di sensibilità nei confronti dei morti sul lavoro, appannaggio dell’organizzazione presieduta da Emma Marcegaglia.
Esistono tragedie, ed il rogo della Thyssen è una di queste, di fronte alla quali chiunque dovrebbe sentirsi in dovere di chiudersi in un rispettoso silenzio, anche qualora ritenga di appartenere ad un’elité abituata a muoversi al di sopra della legge.
Esiste una parola, chiamata dignità, che anche il clan del facile profitto presieduto dalla Marcegaglia, dovrebbe imparare a fare propria, perché quell’applauso risulta indicativo di una miseria umana che il denaro ed il potere non saranno mai in grado di colmare.
Pubblicato da marco cedolin, il corrosivo
Commenta su Facebook

Tags: