Roma – “Stime preliminari mostrano che gli aumenti di capitale di cui necessitano le banche tedesche si attestano a 50 miliardi di euro circa”. Così ha detto Franz-Christoph Zeiter, vice presidente della Bundesbank. Le “ricapitalizzazioni, ha precisato Zeiter, saranno concentrate soprattutto sulle grandi banche.

Non solo Piigs, dunque: anche gli istituti di credito tedesco hanno bisogno di nuovi capitali freschi, come ammette la stessa Banca centrale tedesca. La notizia è accolta negativamente dai mercati, che nella giornata di oggi in Europa, vedono protagonisti soprattutto i sell sui titoli bancari.

Già nella giornata di ieri il Wall Street Journal aveva lanciato l’allarme su due banche tedesche, esattamente NordLB e Helaba, affermando che i due istituti potrebbero non superare la prova dei nuovi stress test previsti anche per quest’anno. Queste due banche, secondo quanto riporta il WSJ, sarebbero tra le poche sopravvissute ad aiuti pubblici dopo la crisi finanziaria. Al momento starebbero cercando di ristrutturare il capitale sociale prima della fine di aprile, ma probabilmente non riusciranno nell’intento.

Wall Street Italia

Commenta su Facebook