Les Echos, Frankfurter Allgemeine Zeitung
Presseurop

commissione europeaBruxelles ottiene più potere di controllo sui budget nazionali”, scriveLes Echos all’indomani dell’accordo tra gli stati europei e il Parlamento europeo. Soprannominato “two-pack” in gergo comunitario, il testo autorizza la Commissione a controllare i bilanci degli stati e a raccomandare aggiustamenti. Secondo il quotidiano economico, si tratta dell’“ultima pietra nella costruzione della nuova governance europea”.

Il “two-pack”, che entrerà in vigore entro l’estate, è più “invasivo” rispetto ai testi precedenti, spiega Les Echos.

Ormai le capitali dovranno presentare il loro progetto di budget per l’anno seguente a Bruxelles prima di sottoporlo all’esame dei parlamentari nazionali. La Commissione potrà esprimere un parere, ma non avrà diritto di veto. […] Tuttavia, se le raccomandazioni di Bruxelles non saranno seguite, la Commissione potrà minacciare sanzioni finanziarie contro un paese che presenti un deficit eccessivo.

La Frankfurter Allgemeine Zeitung sottolinea che nella stessa occasione la Commissione ha annunciato che nei prossimi mesi valuterà l’introduzione degli “eurobond” per mutualizzare il debito tra i paesi dell’eurozona. In definitiva, nota il quotidiano, il “two-pack

corrisponde al patto fiscale ratificato molto tempo fa dai capi di stato europei, ma è più chiaro e più semplice da applicare. Il secondo decreto del pacchetto rafforza il controllo sugli stati che ricevono aiuti o si trovano in difficoltà. Per questi paesi è prevista una “sorveglianza allargata” da parte della Commissione europea e della Bce. La misura include anche aiuti tecnici diretti come la messa in atto di una “Task Force”, già sperimentata durante la crisi greca.

Fonte: Presseurop 21 Febbraio 2013

Commenta su Facebook