Andrew Korybko The Saker 20 maggio 2015

jxFiAPt11m7TWCRaCAQMCAEGrGWxchKhIl 70° anniversario della giornata della vittoria a Mosca è stata monumentale per due motivi principali (solenne venerazione di Shojgu, amicizia russo-cinese), non ultimo il fatto che simboleggiava la morte assoluta di qualsiasi rivoluzionaria colorata sperata ancora possibile dall’occidente fin dai primi anni 2000. La resistenza patriottica illustrata non si è placata quando la sfilata si concluse, ma invece si elevò a proporzioni epiche con la marcia del Reggimento Immortale quando le famiglie hanno reso omaggio ai loro cari che combatterono in guerra. Questo sfogo emozionale della memoria storica ha visto oltre mezzo milione di persone in piazza nella sola Mosca, tra cui il Presidente Putin, a dimostrazione che la Grande Guerra Patriottica è veramente il grande unificatore che trascende le linee etnico-sociali della società sovietica. E’ fondamentale sottolineare la solidarietà nazionale che le commemorazioni del Giorno della Vittoria suscitano, perché è proprio questa sensazione di diffuso patriottismo partecipativo la difesa più efficace contro le rivoluzioni colorate di oggi.

L’arma della Storia
L’autore ha scritto di recente sull’uso degli Stati Uniti della memoria storica come arma postmoderna, ma è necessario rivederne alcuni punti principali nel contesto di questo articolo. In sintesi, l’apparato statale profondo degli Stati Uniti si rende conto che il mosaico di ricordi (spesso contraddittori) dell’Eurasia fornisce terreno fertile per coltivare nuove divisioni tra i suoi partner. Se i Paesi dell’Eurasia saranno separati dai fantasmi del passato, allora i piani d’integrazione continentale promossi da Russia e Cina saranno nulli e, di conseguenza, gli Stati Uniti potrebbero estendere indefinitamente la propria egemonia sull’Eurasia continuando a dominare le leve chiave. L’attuazione più nota di tale strategia è il sostegno degli Stati Uniti alla memoria dell’estremismo nazionalista e fascista ucraino nel tentativo di trasformare il Paese in bastione russofobo, e l’aiuto alla rimilitarizzazione del Giappone contro la Cina ne è un altro un esempio calzante.

Vulnerabilità storiche
Russia e Cina possono avere difficoltà nel contrastare le ingannevoli narrazioni storiche che gli Stati Uniti fabbricano per le menti impressionabili di ucraini e giapponesi grazie alla dominante informazione unipolare in questi Paesi (e la censura attuata in Ucraina in questo momento), ma hanno assai successo e flessibilità nel difendersi da tale perversione della memoria storica all’interno. Le due ancore eurasiatiche sono multiculturali e, quindi, intrinsecamente vulnerabili alla militarizzazione delle informazioni e della memoria diffusa da campagne mediatiche sovversive (con i media tradizionali e on-line) e le ONG facciate dell’intelligence. Mentre questi due Stati resistenti adottano misure attive per contrastare tale minaccia prima che vada fuori controllo, rimarrà sempre la possibilità che alcuni episodi storici di vasta portata possano ancora essere usati per sminuire gli sforzi nazionali nel costruire l’unità. Nel caso della Russia, si tratta del periodo stalinista, mentre per la Cina del grande balzo in avanti e della Grande Rivoluzione Culturale. L’intenzione degli Stati Uniti è provocare disordini antigovernativi più ampi della destabilizzazione mirata rivolta a particolari minoranze nazionali, e in molti casi, tali continue campagne (alcuna delle quali appare avere possibilità di successo) non sono altro che test per procurare all’intelligence dati su contro-strategie e ricezione del pubblico, in previsione di una più seria futura offensiva.

Armatura Storica
Comunque, l’ultima commemorazione del Giorno della Vittoria dimostra che gli Stati Uniti portano avanti una strategia fallimentare, che non avrà sicuramente successo con la Russia neanche nei loro più sfrenati sogni. Il 9 Maggio 2015 ha decisamente dimostrato che i cittadini russi di tutte le classi, razze, religioni, orientamenti politiche possono naturalmente unirsi per celebrare il proprio Paese e mantenere la corretta memoria storica. L’enfasi è sul naturale e organico sostegno del pubblico alle commemorazioni parata militare e partecipazione al Reggimento Immortale, decisamente volontario e sua prerogativa. Contrasta questo patriottismo innato e relative espressioni di massa con la natura artificiosa delle rivoluzioni colorate, che devono essere create a tavolino all’estero e meticolosamente seguite nel loro svilupparsi. Considerando che le manifestazioni in tutta la Russia del 9 maggio avevano il pieno supporto popolare, le rivoluzioni colorate di Garner hanno solo l’illusione di un tale sostegno, dato che sottili tecniche di gestione della percezione sono necessarie per ingannare l’obiettivo (sia nazionale che estero) facendo credere che il movimento sia assai più popolare di quanto lo sia in realtà. Un confronto adatto è paragonare gli eventi dello scorso fine settimana alle verdure biologiche, e le rivoluzioni colorate alle loro controparti OGM; entrambi sembrano reali, ma solo uno è naturale e gli altri hanno richiesto anni di ricerca e sviluppo per perfezionarsi, e anche allora sono sempre fasulle e un abominio della natura (non importa come appaiono all’esterno). I cittadini russi che hanno marciato in tutto il Paese il 9 maggio (e che si univano agli omologhi cinesi in reciproca comprensione) sono l’opposto assoluto di ciò che gli Stati Uniti pensano di usare per rovesciare il governo russo, così fungendo da perfetto antidoto ai piani di Washington. L’armatura storica indicata dal titolo di questo paragrafo si riferisce alle manifestazioni organiche patriottico-storiche, come quella vista in Russia lo scorso fine settimana, che rafforzano l’unità nazionale e respingono le narrazioni false e contrarie. A seconda del caso, ciò potrebbe più che compensare eventuali incidenti storici che rischiano di essere regolarmente sfruttati dai provocatori (ad esempio, il periodo stalinista). Facendo un ulteriore passo avanti, l’armatura storica è fortificata da una corretta educazione patriottica nelle scuole e dalla creazione di organizzazioni non governative di supporto al governo, e quando questi tre elementi si combinano con l’eventuale manifestazione patriottica-storica, l’effetto risultante può ripulire il Paese dagli effetti collaterali negativi delle fallimentari iniziative per la rivoluzione colorata.10300315

Le lezioni della storia
Russia e Cina sono immuni dagli intrighi degli Stati Uniti per una rivoluzione colorata, purché continuino a praticare un regime patriottico-storico con adeguata istruzione, ONG di sostegno e manifestazioni regolari. Lo stesso, però, non si può così facilmente dire per Stati che non hanno un’unica e solida eredità come queste due grandi civiltà. Mentre tutti i Paesi hanno una propria storia di cui essere orgogliosi, molti hanno confini arbitrari che a volte nemmeno indicano o rappresentano il loro ideale di stabilità (ad esempio, la maggior parte degli Stati ex-coloniali). In questi casi, ci deve essere assolutamente un’ideologia unificante capace di riunire le varie parti della società, sia fisicamente (demografia) che storicamente (memoria).

Siria:
La ragione per cui la Siria è riuscita a respingere il tentativo di rivoluzione colorata scatenatagli nel 2011 (successivamente trasformata in guerra non convenzionale per sostenere il fallito cambio di regime) fu dovuto a solidarietà e civiltà politica del popolo siriano. Il Paese, pur essendo geograficamente piccolo, è sproporzionatamente ricco di storia ed è sempre stato cosmopolita. Inoltre, la stragrande maggioranza dei cittadini capisce e rispetta l’ammodernamento e la stabilità data dal Partito Baath nel tumultuoso periodo post-indipendenza, quindi sostegno alle autorità legittime e netto rifiuto delle rivoluzioni colorate straniere (per lo più importate). Se non ci fosse stato un notevole e sincero sostegno interno alle autorità siriane dalla stragrande maggioranza della popolazione, il governo sarebbe crollato da tempo e il popolo non avrebbe continuato a combattere e morire per oltre quattro anni per salvare la propria cara civiltà di Stato laico.

Ucraina:
La Siria è un grande esempio di piccolo Paese che ha resistito con successo all’offensiva delle rivoluzioni colorate che all’improvviso l’ha aggredita; l’Ucraina ne rappresenta l’opposto, un Paese moderatamente grande che non è riuscito a respingere la rivoluzione del cambio di regime. La ragione per cui ciò è accaduto è proprio perché non ha un’ideologia unificante con cui integrare la popolazione intrappolata dai confini arbitrari dal 1991. Che siano russi, ungheresi, ruteni, tartari della Crimea o anche ucraini, nessun gruppo era contento dell’Ucraina. Mentre le minoranze costantemente chiedono a gran voce diritti e maggiore rappresentanza, gli ucraini non erano contenti del potere avuto e continuavano a volerne di più. In tali condizioni, quando l’apparato governativo che incredibilmente s’è tenuto su per oltre vent’anni, è stato brutalmente sconfitto dai terroristi urbani nazionalisti, la prima minoranza in Ucraina, la popolazione russa, ha deciso di gettare la spugna e secedere dallo Stato fallito. Guardando al passato e apprendendo le lezioni articolate in questo articolo, non sarebbe dovuto accadere. Il territorio dell’Ucraina ospita il magnifico patrimonio della civiltà della Rus di Kiev; invece di essere settari e sciovinisti per il loro complesso d’inferiorità nei confronti dei russi, gli ucraini potevano celebrare il patrimonio comune e farne un ponte per costruire migliori relazioni con i vicini. Dopo tutto, la Federazione Russa è l’ultimo Stato successore dell’antica entità che il territorio della moderna Ucraina diede alla luce, e sarebbe stato sensato se le nazioni sorelle si fossero avvicinate il più possibile negli anni post-indipendenza. Ad esempio, l’Ucraina avrebbe potuto usare il proprio patrimonio di civiltà comune con la Russia come trampolino per creare la propria versione di Unione statale come quella tra Russia e Bielorussia. Purtroppo, però, i capi ucraini non la vedevano così e, quindi, le buone intenzioni della Russia espresse nel periodo post-indipendenza furono respinte o sfruttate per vantaggi personali dall’oligarchia ucraina. Pertanto, quando gli Stati Uniti erano pronti a colpire il cuore dell’Europa orientale con le ultime tattiche asimmetriche del cambio di regime, non sorprende abbiano incontrato scarsa resistenza e avervi successo.

Conclusioni
La memoria storica è viva oggi, e invece di essere una sorta di concetto fossilizzato rinchiuso in una biblioteca, è un concetto attivo tangibilmente manifestato per le strade del mondo. In alcuni casi, è passivo e viene promosso senza alcuna considerazione politica di sorta, ma il più delle volte la tendenza è stata riconoscere l’influenza che ha sulla mente di milioni di persone ed adattarsi di conseguenza. Gli Stati Uniti hanno cominciato a militarizzare la storia per raggiungere i loro obiettivi geopolitici, mentre Russia, Cina e Siria hanno tradizionalmente usato la storia come bastione per difendere la propria civiltà. La lotta tra falsificazione e manipolazione storica postmoderna guidata degli Stati Uniti contro la difesa dei fatti storici orgogliosi e unificanti, così come enunciata dai suddetti tre attori, inizia solo ora ad attivarsi. Quindi, è prevedibile si ripetano gli scenari da ‘destabilizzazione storica’ visto in Ucraina, per esempio, divenendo presto la nuova quinta colonna che apre le porte ad ulteriori infiltrazioni delle informazioni (“per la democrazia”) e conseguenti obiettivi di cambio di regime. Mentre Russia e Cina sono in prima linea nel programma ‘di vaccinazione’ contro tale ‘malattia storica’ diffusa dagli agenti della disinformazione degli Stati Uniti, Stati più piccoli come Siria e Ucraina rimarranno obiettivo di tale accelerazione della guerra, nonostante Washington abbia raggiunto risultati assai diversi in ogni caso. Le Sirie nel mondo riusciranno a resistere (ma probabilmente pagando lo scotto del loro patriottismo), mentre le Ucraine crolleranno sprofondando nell’incubo distopico dell’iper-autoritarismo. In conclusione, la domanda a cui devono rispondere Stati similari sulla scacchiera eurasiatica è se potranno difendere la propria Storia come la Siria o se dovranno capitolare pateticamente come l’Ucraina.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

[aiutate il blog a finanziarsi con una donazione con il pulsante]



Commenta su Facebook

Tags: